NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Il dominio acferraracomacchio.it, compresi i suoi sottodomini, tiene alla privacy dei suoi utenti. Per questo motivo vi fornisce un'informativa chiara e trasparente sull'uso dei cookies nel rispetto delle attuali normative Europee ed Italiane.
A seguito della consultazione di questo sito - e previo il consenso informato - possono venire inviati e/o acceduti tramite il vostro browser dei cookies informatici.

Tramite il sito acferraracomacchio.it possono venir inviati e/o acceduti tramite il vostro browser i seguenti tipi cookies:

  • cookies relativi al dominio acferraracomacchio.it (Cookies di sessione e cookies tecnici completamente anonimi)

Nota: Nessun cookie viene installato se il vostro browser è configurato per rifiutare i cookies da questo sito e dalle citate fonti terze parti.

Attenzione: Di norma però i browser sono comunemente configurati per accettare i cookies, quindi vi preghiamo di informarvi sulle modalità specifiche per disabilitare la ricezione e installazione dei cookies nel vostro browser. Esistono anche molteplici estensioni e plugin che aiutano nella configurazione del comportamento browser al fine di rifiutare i cookies da tutti o da specifici siti.

 Pubblichiamo di seguito il documento redatto con le altre associazioni sul tema delle case popolari e uscito oggi, domenica 10 gennaio,su stampa locale:

«La speranza dei poveri non sarà mai delusa» (Sal 9,19). Le parole del Salmo manifestano una incredibile attualità. Esprimono una verità profonda che la fede riesce a imprimere ⁸
soprattutto nel cuore dei più poveri: restituire la speranza perduta dinanzi alle ingiustizie, sofferenze e precarietà della vita.

Queste le parole con cui iniziava il messaggio di Papa Francesco per la terza giornata mondiale dei poveri nel 2019. Con questa convinzione anche le associazioni cattoliche ferraresi esprimono forte perplessità sui criteri con cui vengono assegnate le case popolari nel nostro Comune, soprattutto in merito ai requisiti dell'impossidenza e della residenzialitá storica.

 

Quest'ultimo, già introdotto dalla delibera dell'assemblea legislativa regionale n. 154 del 6 giugno 2018 e utilizzato senza limiti come criterio maggiormente premiante dall'attuale regolamento comunale, riduce qualsiasi valutazione attinente alla situazione di bisogno o di disagio del richiedente, risultando nei fatti discriminatorio per chiunque, straniero o italiano anche proveniente da comuni limitrofi, risieda da poco nel territorio del comune di Ferrara. Tutto questo avviene in un contesto, non dimentichiamolo, di denatalità e di invecchiamento demografico, dunque in uno scenario in cui favorire l’attrattività, particolarmente di giovani coppie, dovrebbe essere un obiettivo importante per una città che progetti il proprio futuro. Anche il fatto che il punteggio per la residenza di un anno nel comune di Ferrara, valga il doppio di quello di un figlio minore a carico di un nucleo familiare, non è a favore delle famiglie e della natalità.

La certificazione dell'impossidenza, per quanto stabilito dall'attuale regolamento comunale, consiste per i cittadini di Paesi non appartenenti all'Unione europea in una dimostrazione documentale ufficiale, difficile da ottenere dai paesi di origine, mentre per i cittadini appartenenti all'Unione europea, è sufficiente un’autocertificazione sulla quale poi il Comune e gli enti preposti possono eseguire controlli.

Questo aspetto, unito agli altri in precedenza evidenziati, risulta nei fatti particolarmente discriminatorio per famiglie straniere che si trovano invece in situazione di forte bisogno, ostacolando, anziché favorire il loro positivo inserimento nel nostro territorio.

L'applicazione dei due criteri, quindi, non solo non ci sembra possa contribuire alla realizzazione del principio costituzionale dell'uguaglianza sociale, ma risulta miope nei confronti della città di domani e denota un'idea di futuro che non incentiva il ricambio generazionale, le nuove nascite e le famiglie. Ci pare inoltre che possa esporre l’amministrazione a ricorsi e a condanne onerose. Per entrambi i criteri, infatti, ci sono già sentenze molto chiare in cui l’ente pubblico è stato condannato al risarcimento. Sull’impossidenza si veda la sentenza del Tribunale di Milano del 13/12/2018 RG n. 20954/2018: ASGI contro il comune di Lodi, mentre sulla residenzialità storica si veda la sentenza del 9 marzo 2020, n. 44 della Corte Costituzionale.

Da cittadini laici ci auguriamo che l'equità, intesa come la giustizia del caso concreto che guarda all’umanità delle singole situazioni, possa essere ristabilita anche grazie alla collaborazione fattiva dell’amministrazione alla quale, se lo riterrà utile, non faremo di certo mancare il nostro costruttivo contributo.
Da cristiani diciamo che è necessario, soprattutto in un momento storico come questo, nutrire la Speranza di tutti e non lasciare indietro nessuno.

 

Azione Cattolica di Ferrara-Comacchio
ACLI Ferrara
AGESCI Zona di Ferrara
Ferrara Bene Comune
MASCI Ferrara
Movimento RINASCITA CRISTIANA Ferrara
Salesiani Cooperatori Ferrara

SCARICA QUI IL DOCUMENTO